AFFORDABLE ART FAIR 2020
dal 6 al 9 febbraio

SuperStudio Più
con Sara Baxter, Mariavera Chiari, Michela Pomaro,
Annarita Serra e Romana Zambon

In anteprima ad Affordable Art Fair 2020

Ambiente, sostenibilita’ e allerta sull’uso della plastica

I temi dello stand.

Una provocazione in chiave artistica, sulla natura sempre piu’ a rischio, presentata dalla galleria FEDERICA GHIZZONI

La galleria FEDERICA GHIZZONI presenta alla Xa edizione di Affordable Art Fair il progetto fotografico inedito di Romana Zambon, dal titolo “Naturalmente plastica”.
Una iniziativa artistica provocatoria per evidenziare con 20 immagini fotografiche l’importanza e la necessita’ di preservare l’Ambiente, anche e soprattutto con azioni che vanno progressivamente a eliminare l’uso della plastica.

Le immagini ritraggono fiori veri spettacolari rielaborati dall’artista come fossero realizzati con materie plastiche, provocatoriamente a rappresentare un mondo in cui anche la natura e’ realizzata senza piu’ natura, e quindi fuori dalla realta’.

L’obiettivo e’ quello di sensibilizzare il pubblico su azioni responsabili dal punto di vista ambientale per evitare di ritrovarci immersi in un mondo irreale, senza piu’ fiori veri.

All’intero dello stand della galleria FEDERICA GHIZZONI, sara’ presente anche l’opera di Annarita Serra: un quadro raffigurante una lattina di Coca Cola realizzata interamente con parti di plastica rossa e bianca raccolte tutte sulle spiagge della costa sarda. L’artista, attraverso una bellezza mascherante, si fa testimone del silenzioso grido di aiuto di una natura sempre piu’ contaminata

Terza opera in mostra, vasi da fiori scultorei, realizzati da un gruppo di designer insieme a detenute madri del carcere di San Vittore. I vasi sono realizzati con tappi di plastica raccolti, selezionati, tagliati, tritati, fusi e resinati, a testimonianza che la raccolta e il recupero della plastica hanno una funzione sociale e ambientale. Il ricavato dalla vendita dei vasi e’ destinato a progetti di formazione delle detenute madri recluse all’ICAM.

Menu